Carrello
0,00€

Timo

Disponibile

13,90

COD: 2317 Categoria:

Descrizione

Qualità del Timo: Caldo e Secco

Organotropismo: Polmone, Milza, Stomaco, Intestino, apparato respiratorio, gastroenterico, muscoloscheletrico.

Azioni:
La Tintura madre di Timo ha proprietà antisettica, espettorante e mucolitica per cui risulta di grande aiuto nelle affezioni delle mucose respiratorie: drena i ristagni di muco, favorisce la respirazione e allevia le irritazioni delle mucose; ha anche un’azione sedativa sulla tosse per cui è utile anche in caso di bronchiti acute e croniche, pertosse e nelle forme tussive asmatiche. Il Timo viene tradizionalmente impiegato anche in caso di difficoltà digestive: infatti ha azione carminativa, coleretica ed è un valido aiuto in caso di gastrite cronica, gonfiori addominali, parassitosi.

Tradizione e storia:
Thymus vulgaris “fumo, anima, principio vitale – ordinario, comune, del popolo”. Conosciuto dalla medicina Egizia e grecoromana, Galeno scrive che “ha natura calda e incisiva.. se bevuto purga le interiora.. e facilita allo sputo le materie di petto e di Polmone.. è utile nelle affezioni articolari, nella sciatica e nei dolori di tutto il corpo.” La medicina araba utilizzava il Timo per curare la tosse, i dolori alle articolazioni e come antiveleno. Ildegarda lo consiglia per la “putritudine” di cui cicatrizza le ulcere. Polverizzato come farina e assunto come cibo in coloro che hanno “il cervello infermo e come vuoto”. Dioscoride lo indica perchè “purga li flegmi per di sotto.. giova agli stretti di petto a agli asmatici.. utile per eliminare i vermi, stimola la diuresi.. applicato localmente riduce gli ematomi ed elimina le verruche, con polenta e vino giova alle sciatiche e mangiato col cibo rafforza la vista. E’ un ingrediente dell’ “aceto dei quattro ladri”, col quale i quattro si salvarono a Tolosa dalla Peste del Seicento spalmandosi del composto per rendersi immuni. A fine Ottocento Campardon ne studia l’azione sulla circolazione e sui centri nervosi, verificando l’effetto rivitalizzante generale, con aumento dell’ampiezza del polso e una migliorata funzione digestiva.

Indicazioni: la tintura madre di Timo è un ottimo coadiuvante in caso di astenia, atonia gastrica, bronchiti, digestione lenta, dismenorrea, dispepsia,esaurimento psico-fisico, flatulenza, flogosi delle vie aeree superiori, insufficienza biliare, ipotensione, pallore, pertosse, scarsa resistenza alle infezioni, spasmi intestinali, tosse.

Uso esterno del timo:
La tintura madre di Timo può essere impiegata per l’igiene del cavo orale (come colluttorio al 5%) per prevenire le carie e per rinfrescare l’alito. Ha anche azione diinfettante sulle ferite e calmante sui dolori reumatici.

Controindicazioni:
L’utilizzo della tintura madre di Timo è considerato sicuro. No in gravidanza ed allattamento e sotto gli 8 anni di età. L’olio essenziale è controindicato in gravidanza perchè stimola la contrattilità uterina.

Interazioni:
Si può verificare una reazione allergica crociata in pazienti sensibili al polline di Betulla e a Sedano.

Effetti collaterali:
In caso di sovradosaggio dell’olio essenziale si possono verificare a livello dell’apparato digerente, con nausea, vomito e cefalea, e a livello del SNC con azione depressiva sull’apparato cardiaco e respiratorio. Può causare reazioni allergiche in soggetti sensibili alle Labiatae. Nell’uso esterno può provocare dermatiti da contatto.

Ingredienti: estratto idroalcolico (alcol, acqua, parte di pianta, in rapporto D/E 1:5) di Timo (Thymus vulgaris L.) foglie

Tenore degli ingredienti per dose massima giornaliera pari a 120 gocce corrispondenti a 2,9 g di estrtto idroalcolico di Timo

Dosaggio consigliato: 40 gocce in poca acqua, 3 volte al dì

Formato: flacone in vetro da 50 ml con pipetta contagocce

Informazioni aggiuntive

Peso0.125 kg
Dimensioni4.4 × 4.4 × 10.2 cm
Marca

Erboristeria Fitosofia