Tintura madre di Erisimo

15,5

Definita “erba dei cantanti”, l’Erisimo è specifico contro i sintomi dolorosi legati a secchezza e infiammazione di laringe e faringe ed all’affaticamento delle corde vocali come afonia, raucedine e tosse.

Tintura madre di Erisimo
Tintura madre di Erisimo

15,5

Recensioni certificate prodotti Fitosofia
Disponibilità immediata
Consegna in Italia: 1-2 giorni lavorativi
COD: 2017 Categoria: Tag: , ,

Estratto idroalcolico di Erisimo

La tintura madre di Erisimo si ottiene per macerazione in acqua ed alcol delle sommità fiorite di Erisimo (Sisymbrium officinale). I suoi costituenti attivi non sono ancora del tutto noti ed il suo utilizzo clinico si deve principalmente alla lunghissima tradizione d’uso.

Proprietà dell’Erisimo

Uso interno

L’Erisimo prende anche il nome di “erba dei cantanti” proprio per la sua efficacia nel trattamento di afonia e raucedine in quanto contribuisce alla riduzione dei sintomi dolorosi legati alla secchezza e all’infiammazione di laringe, faringe ed all’affaticamento delle corde vocali. Per l’attività espettorante e mucolitica è indicata anche in caso di affezioni bronchiali acute benigne, tracheiti e tosse dei fumatori.
In letteratura, si trovano segnalazioni riguardanti l’utilizzo della pianta come antispastico delle vie biliari.

Uso esterno

Per uso esterno viene impiegato come collutorio per sciacqui orali, in caso di affezioni della cavità orale ed orofaringea. Se ci sono infezioni in corso, ti consigliamo di abbinarlo all’olio essenziale di Tea tree oil. Leggi qui come usare il Tea Tree oil per la bocca.

Utilizzo tradizionale

L’Erisimo, il cui nome deriva dal greco eruo=io salvo oinos=il canto, è nota fin dall’antichità per le sue virtù. Da sempre viene considerata la pianta di oratori, attori e cantanti i quali erano soliti bere decotti della pianta prima delle loro esibizioni.

Indicazioni, modo d’uso, ingredienti

  • afonia
  • raucedine
  • laringite
  • faringite
  • tosse

Modo d’uso

Si consiglia di assumere 40 gocce di estratto di Erisimo diluito in poca acqua, 3 volte al dì. In alternativa suggeriamo di preparare una bottiglietta di acqua da mezzo litro con 120 gocce di Erisimo, da bere nel corso della giornata a piccoli sorsi.

Controindicazioni

Ai dosaggi terapeutici non presenta effetti secondari o tossici. La pianta è molto sicura; tuttavia alcuni autori ne sconsigliano l’uso in gravidanza e pediatria a scopo precauzionale, per la scarsità di dati esistenti.
Solo per dosaggi elevati e  prolungati nel tempo sono possibili interazioni con farmaci tiroidei per la presenza di glucosinolati. Evitare la somministrazione nei soggetti ipotiroidei.

Ingredienti

Tintura madre di Erisimo da pianta fresca (Sisymbrium officinale Scop.) sommità fiorite; alcol, parte di pianta, acqua in rapporto D/E 1:3,4.

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose massima giornaliera pari a 120 gocce corrispondenti a 2,9g di estratto idroalcolico di Erisimo.

Associazioni della tintura madre di Erisimo

  • infiammazioni delle prime vie respiratorie: propoli fitoattivata, vitamina C naturale, olio essenziale di Garofano o Tea tree oil

Formato: Flacone in vetro da 50ml con pipetta contagocce

Fonti Bibliografiche:
Dizionario di Fitoterapia e piante medicinali. E. Campanini – 2016 Ed. Tecniche nuove
Farmaci Vegetali. Manuale ragionato di fitoterapia. P. Campagna – 2008 Ed. Minerva medica
Interazioni tra erbe, alimenti e farmaci. F. Fiorenzuoli -2013  Ed. Tecniche nuove
Medicina tradizionale erboristica. S. Iozzi – 2009  Ed. Tecniche nuove
Fitoterapia. Principi di fitoterapia clinica, tradizionale, energetica, moderna. E. Sangiorgi et al. – 2007 Ed. Ambrosiana

Peso 0,125 kg
Dimensioni 4,4 × 4,4 × 10,2 cm
Formato

50 ML

Marca

Erboristeria Fitosofia

Non ci sono recensioni per questo articolo

Le informazioni sopra riportate sono di natura puramente informativa, non sono da intendersi in alcun caso come prescrizioni o indicazioni terapeutiche. Consulta sempre preventivamente il tuo medico curante in caso di assunzione di farmaci, terapie in corso, malessere o malattia.