Crataegus oxyacantha

15,524,5

Prevenzione delle malattie cardiovascolari: eretismo cardiaco, aritmie, ipertensione arteriosa, fibrosi del miocardio, ansia, spasmi coronarici, palpitazioni, insonnia. Disponibile anche nel formato da 100ml.

Recensioni certificate prodotti Fitosofia
Disponibilità immediata
Consegna in Italia: 1-2 giorni lavorativi

Il macerato glicerico di Crataegus oxyacantha nella Prevenzione delle malattie cardiovascolari, proprietà ed effetti.


In Nord America, il ruolo del Biancospino nel trattamento dei problemi cardiaci risale al 1800.

L’utilizzo erboristico tradizionale italiano lo indica per l’eretismo cardiaco, aritmie, ipertensione arteriosa, sequele dell’infarto miocardico, fibrosi del miocardio, stress, ansia, spasmi coronarici, palpitazioni, insonnia, angina pectoris, precordialgia, cuore senile, tendenze bulimiche.

Attualmente numerosi studi in vivo e in vitro dimostrano che gli estratti di biancospino esercitano un’ampia gamma di proprietà in ambito cardiovascolare.

Tra queste l’attività antiossidante, effetto inotropo positivo, effetto antinfiammatorio, effetto rimodellante, effetto antiaggregante piastrinico, effetto vasodilatatore, riduzione della migrazione e proliferazione delle cellule muscolari lisce, effetto protettivo contro il danno da ischemia/riperfusione, effetto antiaritmico, effetto ipolipemizzante e diminuzione degli effetti della pressione arteriosa.

Inoltre, revisioni di studi controllati con placebo hanno riportato miglioramenti sia soggettivi che oggettivi in ​​pazienti con forme lievi di insufficienza cardiaca (NYHA I – III), ipertensione e iperlipidemia. (pubmed – Effect of Crataegus Usage in Cardiovascular Disease Prevention: An Evidence-Based Approach).

Proprietà di Crataegus oxyacantha

Il macerato glicerico di Crataegus oxyacantha (Biancospino) manifesta un’azione regolatoria sull’attività cardiaca, migliora l’irrorazione coronarica ed ha effetti normalizzanti sulla pressione sanguigna e sul battito cardiaco.

Le sue costituenti principali sono flavonoidi come la vitexina, iperoside, rutina o vitexina-2”-O-α-L-ramnoside e procianidine oligomeriche derivate da catechina/epicatechina; contiene inoltre acidi triterpenici e ammine biogene.

É un ottimo presidio in caso di aritmie funzionali come tachicardia, extrasistole ed eretismo cardiaco. Viene consigliato agli anziani affetto da insufficienza cardiaca pe rinforzare l’attività del miocardio; può essere utile nelle sequele dell’infarto miocardico e come coadiuvante nell’angina pectoris.

Il gemmoderivato di Biancospino presenta attività normotensiva, per cui è indicato sia in caso di pressione bassa che in caso di ipertensione arteriosa (con Olea Europea).

Trova impiego anche in caso di ansia, angoscia, stress e palpitazioni dove agisce come ansiolitico, blando antidepressivo e rilassante (con Tilia tomentosa). È utile per favorire la memoria e le funzioni cognitive, nei disturbi del sonno e in caso di tendenze bulimiche.

Effetto inotropo positivo

Una ricerca sull’estratto speciale di Crataegus WS 1442, ha chiarito il potenziale meccanismo d’azione inotropo positivo.

È stato dimostrato che WS 1442 e la sua frazione solubile in acetato di etile lipofilo hanno aumentato la forza di contrazione nelle strisce del muscolo papillare ventricolare sinistro attraverso un meccanismo indipendente dal cAMP.

Sembra che il composto aumenti la forza di contrazione mediante l’inibizione della pompa del sodio. Inoltre, possono aumentare il picco di concentrazione intracellulare di Ca2 + anche nel miocardio umano di pazienti con insufficienza cardiaca congestizia [visualizza l’articolo].

Allo stesso modo, agisce molto probabilmente sulla Na+ / K+ -ATPasi ed aumenta l’efficienza del trasporto del calcio nei cardiomiociti [visualizza l’articolo].

Effetto rimodellante cardiaco

Il rimodellamento cardiaco comprende cambiamenti nella struttura del cuore come alterazioni nello spessore della parete cardiaca, dimensioni della camera, dimensione cellulare, numero di cellule e volume della matrice extracellulare. Questi cambiamenti strutturali possono influenzare la funzione cardiaca [vedi articolo].

L’estratto di Biancospino ha ridotto notevolmente i volumi della camera del ventricolo sinistro (VOL) dopo costrizione aortica (AC) ed ha aumentato lo spessore della parete relativa.

Ha attenuato la diminuzione della velocità di accorciamento circonferenziale (Vcfc) indotta da AC, mostrando azione di rimodellamento ventricolare nell’ipertrofia cardiaca indotta da sovraccarico di pressione [vedi articolo].

Effetto antiaggregante piastrinico

Le piastrine attivate svolgono un ruolo cruciale nello sviluppo patologico di diversi disturbi arteriosi, inclusi ictus e sindromi coronariche acute, che hanno origine dalla rottura della placca e dalla successiva formazione di trombi piastrinici [vedi articolo].

L’estratto di Crataegus oxyacanha ha mostrato un’efficace azione antipiastrinica a basse dosi di 100, 200 e 500 mg/kg, come indicato dall’aumento del tempo di sanguinamento, dalla diminuzione dell’aggregazione piastrinica valutata da PFA-100 e dalla riduzione dei livelli sierici di trombossano B2 [vedi articolo].

Effetto vasodilatatorio

Un esperimento ha mostrato che le procianidine nell’estratto di Crataegus possono essere responsabili del rilassamento non mediato endotelio-dipendente, probabilmente tramite l’attivazione dei canali K+ sensibili al tetraetilammonio nell’aorta di ratto isolata. (vedi articolo)

Esistono numerosi studi in merito all’effetto vasodilatatorio del Biancospino. Pare che l’estratto di Crataegus abbia un’azione vasodilatatoria sia nella circolazione coronarica che sul sistema vascolare periferico.

Effetto antiaritmico

Uno studio ha mostrato che l’estratto di Crataegus ha determinato una riduzione significativa del numero totale di battiti ectopici ventricolari, principalmente mediante la riduzione dei battiti che si verificano come tachicardia ventricolare.

Inoltre, il Biancospino ha ridotto il numero totale di extrasistoli ventricolari (vedi articolo).

Diminuzione della pressione arteriosa

Tramite uno studio morfologico è stato osservato che Crataegus, specialmente la frazione iperosidica, previene l’ipertensione indotta da L-NAME nei ratti e ha effetti benefici sul sistema cardiovascolare [vedi l’articolo].

Crataegus somministrato a dosi crescenti ha prodotto una diminuzione dose-tempo dipendente della frequenza cardiaca (HR) e della pressione arteriosa media (MAP).

Sinergie fitoterapiche

A scopo benefico, è possibile associare il macerato glicerico di Crataegus oxyacantha con integratori che possono sostenerne e facilitarne l’azione. Per i seguenti casi specifici, consigliamo la lettura delle pagine relative ai prodotti collegati:

Benessere cardiovascolare: Omega 3
Ipertensione arteriosa: perle di Aglio olivo e biancospino, Olea europea
Insonnia: Relax, tintura madre di passiflora
Tensione, palpitazioni: Magnesio citrato, Tilia tomentosa

Modo d’uso e ingredienti

Modo d’uso: 40-70 gocce 1 volta al giorno in poca acqua o tisana. In alternativa è possibile diluire 70 gocce in acqua e berla a piccoli sorsi nel corso della giornata.

Ingredienti: Macerato glicerico di Crataegus oxyacantha (Biancospino). Stabilizzante: glicerina, alcol etilico, acqua, giovani getti 2%.
Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose massima giornaliera pari a 70 gocce corrispondente a 1,82 g di macerato glicerico di Crataegus oxyacantha

Formato
Flacone in vetro da 50ml con pipetta contagocce

Peso 0,125 kg
Dimensioni 4,4 × 4,4 × 10,2 cm
Formato

50 ML, 100 ML

Marca

Erboristeria Fitosofia

Non ci sono recensioni per questo articolo

Le informazioni sopra riportate sono di natura puramente informativa, non sono da intendersi in alcun caso come prescrizioni o indicazioni terapeutiche. Consulta sempre preventivamente il tuo medico curante in caso di assunzione di farmaci, terapie in corso, malessere o malattia.