Tintura madre di Artemisia Vulgaris

15,524,5

La tintura madre di Artemisia fa parte del protocollo antiparassitario della dott.ssa Clark, in associazione agli estratti di chiodi di Garofano e mallo di Noce. Disponibile anche da 100ml.

Tintura madre di Artemisia Vulgaris
Tintura madre di Artemisia Vulgaris
Recensioni certificate prodotti Fitosofia
Disponibilità immediata
Consegna in Italia: 1-2 giorni lavorativi

Artemisia vulgaris tintura madre in gocce: a cosa serve e come si usa in erboristeria. Proprietà ed effetti benefici dell’Artemisia.

In fitoterapia l’Artemisia viene largamente impiegata nell’ambito del Protocollo Clark, una terapia naturale per l’eliminazione dei parassiti intestinali.

La nostra Tintura madre viene prodotta con le parti aeree fresche dell’Artemisia Vulgaris spontanea, raccolte nel periodo balsamico ed estratte a freddo con alcol di alta qualità ed acqua montana. Il tempo di macerazione è di almeno 90 giorni.

L’Artemisia vulgaris L. è una specie di pianta medicinale molto ricca di oli volatili e di numerose componenti attive tra cui l’artemisinina, un principio attivo impiegato nella lotta alla malaria.

Secondo gli studi l’Artemisia Vulgaris ha proprietà officinali antisettiche, antinfiammatorie, antispasmodiche, antiipertensive, epatoprotettive, antiossidanti e antitumorali.

I metaboliti secondari responsabili di queste preziose proprietà sono flavonoidi, lattoni sesquiterpenici, acidi fenolici, acetileni e cumarine.

Artemisia Vulgaris proprietà e benefici

Artemisia proprietà

L’utilizzo tradizionale di questa pianta è supportato da numerose indagini farmacologiche e fitochimiche che riconoscono all’Artemisia effetti benefici molto conosciuti in erboristeria:

Artemisia tintura madre per parassiti intestinali

Per la sua eccellente azione antiparassitaria intestinale, in particolare nei confronti dello stato larvale di ascaridi ed ossiuri, la tintura madre di Artemisia fa parte del famoso Protocollo Clark, una terapia naturale per l’eliminazione dei parassiti intestinali.

La cura Clark fu messa a punto dalla dottoressa Hulda Clark, consente di eliminare efficacemente i parassiti intestinali utilizzando 3 estratti vegetali: Garofano, Mallo di Noce e, appunto, Artemisia.

Ingredienti

Tintura madre di Artemisia da pianta fresca (Artemisia vulgaris L.) parti aeree; alcol, parte di pianta, acqua in rapporto D/E 1:2,5.

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose massima giornaliera pari a 90 gocce corrispondenti a 2,17 g di estratto idroalcolico di Artemisia.

Formato: Flacone in vetro da 50ml o da 100ml con pipetta contagocce.

Artemisia come assumerla

Si consiglia di assumere 30 gocce di estratto idroalcolico di Artemisia diluito in poca acqua, 3 volte al dì.

In alternativa suggeriamo di preparare una bottiglietta di acqua da mezzo litro con 90 gocce di Artemisia da bere nel corso della giornata a piccoli sorsi.

Qualora si desideri assumere la tintura madre di Artemisia per la depurazione dei parassiti intestinali, consigliamo la lettura del seguente articolo per sapere come si usa: Il Protocollo Clark.

Scheda tecnica

Nome del prodotto Tintura madre di Artemisia Vulgaris
Dimensioni 4x4x11 CM
Volume netto 50 ML
Peso netto 50 grammi
Gusto Naturale
Concentrazione Rapporto Droga/Estratto – 1/2,5
Nome botanico Artemisia Vulgaris L.
Parte utilizzata Parti aeree fresche
Ingredienti Artemisia Vulgaris, alcol, parte di pianta, acqua.
Posologia 30 gocce diluite in poca acqua, 3 volte al giorno prima dei pasti
A cosa serve Cattiva digestione, dispepsia, disturbi epatici, diabete, insonnia, stress ed ansia, infestazione da vermi (parassiti), insufficienza, epatobiliare, mestruazioni ritardate, scarse, dolorose o irregolari, parassiti intestinali
Conservazione Temperatura ambiente
Conservanti Alcol
Solventi o supporti Nessuno
Allergeni Assenti
OGM Assenti
Forma del prodotto Artemisia gocce
Tipologia Tinture madri
Marca Fitosofia

Artemisia controindicazioni ed effetti avversi

L’estratto di Artemisia in gocce è un rimedio sicuro al dosaggio consigliato.

La tintura madre di Artemisia è controindicata in caso di:

  • gastrite
  • ulcera peptica
  • epilessia

Possibili effetti collaterali comprendono:

  • nausea
  • vomito
  • diarrea
  • crampi addominali

Sono possibili interazioni farmacologiche con terapie ormonali e farmaci neurostimolanti. Può aumentare la biodisponibilità della carbamazepina.

Non assumere in gravidanza e durante l’allattamento.

L’Artemisia in erboristeria (vulgaris) non va confusa le altre specie del genere Artemisia

Il genere Artemisia, appartenente alla famiglia botanica delle Asteraceae, comprende diverse specie, le più diffuse in Europa sono 5:

  • Artemisia Vulgaris (artemisia comune);
  • Artemisia Annua: nota per le sue proprietà antipiretiche, antimalariche ed antimicrobiche;
  • Artemisia Campestris (assenzio di campo): tipica dei campi abbandonati e aridi;
  • Artemisia Absinthium (assenzio maggiore): utilizzata nell’industria dei liquori e per scopi ornamentali;
  • Artemisia Dracunculus (dragoncello): utilizzato come tonico, digestivo e per aromatizzare diversi cibi.

Associazioni della Tintura madre di Artemisia

In alcuni casi specifici, la tintura madre di Artemisia può essere associata ad altri rimedi naturali che ne possono completare o potenziare l’azione. In particolare in caso di:

Fonti Bibliografiche

Dizionario di Fitoterapia e piante medicinali. E. Campanini – 2016 Ed. Tecniche nuove
Farmaci Vegetali. Manuale ragionato di fitoterapia. P. Campagna – 2008 Ed. Minerva medica
Interazioni tra erbe, alimenti e farmaci. F. Fiorenzuoli – 2013 Ed. Tecniche nuove
Medicina tradizionale erboristica. S. Iozzi – 2009 Ed. Tecniche nuove
Fitoterapia. Principi di fitoterapia clinica, tradizionale, energetica, moderna. E. Sangiorgi et al. – 2007 Ed. Ambrosiana

Peso 0,125 kg
Dimensioni 4,4 × 4,4 × 10,2 cm
Formato

50 ML, 100 ML

Marca

Erboristeria Fitosofia

Ottimo estratto sicuramente da consigliare
è la prima settimana di assunzione. Sto seguendo il protocollo della Dott. Clark.
Leggi tutte le Recensioni

Le informazioni sopra riportate sono di natura puramente informativa, non sono da intendersi in alcun caso come prescrizioni o indicazioni terapeutiche. Consulta sempre preventivamente il tuo medico curante in caso di assunzione di farmaci, terapie in corso, malessere o malattia.