Shopping cart
0,00€

L-Carnitina: che cos’è, a cosa serve e quando assumerla

l-carnitina a cosa serve

Vuoi ridefinire il tuo corpo più velocemente oppure sei vegetariano ed hai necessità di integrare la L-carnitina? Scopri in questo articolo tutto su questo nutriente essenziale per il corpo umano.


La L-carnitina è molto utilizzata da chi pratica attività sportiva in maniera regolare e vuole ridefinire il proprio corpo. Ma è fondamentale anche per chi, come i neonati, soffre di ipoglicemia ed altri problemi causati dalla carenza di questo nutriente.

Sono diversi gli studi che confermano le proprietà positive di questo composto chimico.

Se vuoi scoprire tutti i benefici dell’assunzione della L-carnitina, presente nel nostro integratore Kalo-two, ed alcuni consigli su quando assumerla, prosegui nella lettura per averne una panoramica più ampia.

Partiamo subito da un’introduzione generale per poi scendere progressivamente nel dettaglio.

Che cos’è la L-Carnitina?

La L-carnitina è un amminoacido essenziale per l’apparato muscolo-scheletrico e quello cardiovascolare. La si può trovare sia nei tessuti animali sia nelle piante.

Il suo ruolo principale è quello di trasportare grassi all’interno dei mitocondri (quelli che, a tutti gli effetti, possono definirsi le centrali energetiche delle cellule) e, di conseguenza, sviluppare energia attraverso il processo di Beta-ossidazione.

Anche gli esseri umani sono in grado di produrre L-carnitina. Giornalmente, per chilo di peso corporeo, ne produciamo 1,2 micromoli, grazie alla sintesi di alcuni enzimi presenti soprattutto nel fegato, nel cuore, nel cervello e nei reni.

Quali sono i benefici dall’assunzione della L-carnitina?

Come abbiamo appena visto, la funzione maggiore della L-carnitina è quella di trasportare energia. Una sua integrazione può, quindi, portare i seguenti benefici:

  • Maggiore energia utile per affrontare vari tipi di stress e per salvaguardare la salute mentale;
  • Coadiuvare il sistema immunitario nell’attaccare e neutralizzare i virus ed i batteri;
  • Risultare molto utile per potenziare la vitalità e l’attività del seme per chi soffre di ipospermia;
  • Essere un aiuto importante nella prevenzione di ictus, trombosi ed infarto, in quanto la L-carnitina riesce ad estendere la vita delle cellule nervose e riparare quelle danneggiate;
  • Rivelarsi molto importante per quelle patologie tiroidee nelle quali vi è un’eccessiva presenza di ormoni di tipo tiroideo. La L-carnitina inibisce, infatti, il loro trasferimento e la loro efficacia;
  • Nell’utilizzo sportivo, questo amminoacido può migliorare la resistenza degli atleti, far produrre meno acido lattico e, quindi, meno dolore;
  • È ottima per dimagrire, perché la L-carnitina è un mediatore cellulare indispensabile per un corretto metabolismo dei grassi.

l carnitina per dimagrire

Dalle proprietà appena menzionate, è possibile trarre la conclusione di quanto sia importante questo amminoacido per il nostro organismo.

In carenza di L-carnitina, l’uomo può, infatti, andare incontro ad una complessa serie di disturbi che possono riguardare il corpo nel suo complesso oppure principalmente il muscolo. Si va da un senso di affaticamento alla confusione, dalla cardiomiopatia alla necrosi muscolare.

Il deficit di L- carnitina, dovuto ad una poco adeguata assunzione alimentare, può chiaramente essere trattato con la sua somministrazione tramite una dieta alimentare specifica e tramite integratori.

In quali alimenti, nello specifico, è possibile trovarla? Vediamolo qui di seguito.

Le fonti alimentari di L-carnitina

Gli alimenti ricchi di L-carnitina, come abbiamo anticipato, sono quelli prevalentemente di origine animale, ma la si può trovare anche in altre pietanze.

Ecco un elenco delle fonti alimentari che ne contengono in buone quantità:

  • Carne (pecora, manzo, maiale e pollo),
  • Latte intero di pecora, di vacca e di capra,
  • Formaggio (nel cheddar se ne trova abbastanza),
  • Pesce (soprattutto nel merluzzo),
  • Pane integrale,
  • Gelato,
  • Frutta (mela, pera, pesca, arancia, avocado),
  • Verdura (spinaci, carota, asparagi cotti),
  • Patate.

Le persone che seguono un’alimentazione vegetariana potrebbero, quindi, andare incontro a carenza di L-carnitina e, soprattutto a loro, ne viene consigliata l’integrazione, così da ristabilirne le giuste quantità.

Infatti, secondo uno studio di Medicina dell’Università di Nottingham nel Regno Unito, è stato dimostrato che la concentrazione plasmatica totale di carnitina dei vegetariani risultava più bassa del 16% rispetto ai non vegetariani, così anche il contenuto di carnitina muscolare totale (inferiore di circa il 33%).

Dopo un allenamento in palestra particolarmente intenso, quindi, è possibile che le persone che seguono una dieta vegetariana mostrino una carenza di L-Carnitina.

In questo caso si possono assumere degli integratori oppure optare per alimenti vegetariani come hamburger di soia o hot dog di soia, ricchi di sostanze nutritive.

Sia che tu voglia aumentare i muscoli, dimagrire oppure approcciarti ad un regime vegetariano, è opportuno che tu sappia dove trovare, quando assumere ed in che modo gli integratori di carnitina.

Continua nella lettura per scoprirlo.

Dove trovare e quando assumere gli integratori di L-carnitina

Su Fitosofia puoi trovare uno tra gli integratori naturali più consigliati per l’assunzione di L-carnitina, Kalo-two Migliora.

L’amminoacido e gli altri principi attivi presenti (tra cui quelli di caffè verde, Guaranà e Cola) sono stati estratti grazie ad un’innovazione tecnologica che pone la nostra azienda all’avanguardia nel panorama italiano.

Si tratta dell’estrazione ad ultrasuoni che permette una lisi rapida e completa delle pareti cellulari delle sostanze, senza che essi vengano disgregati o rotti.

I vantaggi che ne derivano sono molti: si va dalla maggiore conservabilità alle migliori caratteristiche organolettiche, soprattutto per quanto riguarda il sapore, la freschezza e l’odore.

L’assunzione di L-carnitina va effettuata secondo le dosi consigliate, in quanto un eccesso può portare a problematiche gastro-intestinali, tra cui vomito e diarrea.

Inoltre questo integratore, che contiene caffeina, non è particolarmente raccomandato ai bambini ed alle donne in gravidanza.

Kalo-two Migliora andrebbe disciolto in un bicchiere d’acqua o in una bottiglietta d’acqua e sorseggiato durante la giornata.

Fai la scelta giusta.

Componenti
Articolo precedente
Stipsi (o stitichezza): che cos’è e quali sono i principali rimedi naturali
Articolo seguente
Ritenzione idrica sul viso, pancia e gambe: trova sollievo con la fitoterapia