Carrello
0,00€

Fegato: che cos’è, a cosa serve e perché dovresti depurarlo regolarmente

fegato ingrossato sintomi e depurazione

Fegato: scopri come funziona, a cosa serve questa ghiandola e perché è bene depurarla regolarmente.


Tutto sul fegato: che cos’è, a cosa serve e come depurarlo con l’integratore Detox Migliora.

Il fegato è la principale, nonché più estesa, ghiandola del corpo umano. Essa svolge un ruolo molto importante per il nostro metabolismo.

Spesso però può accadere che il fegato non assolva correttamente alle sue funzioni e, quindi, sarebbe meglio ricorrere a dei rimedi.

Il nostro consiglio è quello di provare con dei rimedi naturali, come il Detox Migliora ad esempio, un nostro integratore alimentare.

In realtà abbiamo creato anche altri integratori adatti alla depurazione del fegato e dell’organismo in generale. E in questo articolo ti vogliamo proprio parlare di questi, delle loro funzioni e in quali casi è maggiormente indicato assumerli.

Prima però, vediamo quali sono le funzioni principali del fegato, che vengono a mancare, nei casi in cui si è in presenza di disturbi o patologie.

Le funzioni principali del fegato sono:

  • produzione della bile, che ha il ruolo di emulsionare i grassi provenienti da ciò che ingeriamo quotidianamente, assicurandone un corretto transito e assorbimento intestinale;
  • produzione del colesterolo, che erroneamente viene considerata da molti come nociva, ma che in realtà è molto importante per la vita delle nostre cellule;
  • gestione dell’energia derivante dai carboidrati, grassi e proteine che assumiamo quotidianamente;
    distribuzione dei liquidi nell’organismo;
  • sintetizzazione delle vitamine quali A,D, E, K (le cosiddette vitamine solubili) e di altre sostanze necessarie per la vita;
  • regolazione del catabolismo di tutti i nutrienti;
  • disintossicazione di sostanze quali alcol, veleni ambientali e farmaci vari.

In particolar modo, queste ultime due funzioni, sono molto importanti per la fitoterapia e per la medicina naturale, in quanto, per diversi secoli molte culture hanno basato la propria medicina tradizionale sulle tossine accumulate nell’organismo, considerate come causa di numerose malattie.

Quando insorgono alcuni problemi come il mal funzionamento dei sistemi di disintossicazione o affaticamento epatico si sente la necessità di ricorrere a un ciclo di depurazione del fegato, nonché dell’organismo in generale.

In questi casi ti consigliamo di provare il nostro integratore Detox Migliora. Un depurativo 100% naturale senza alcol, solventi e zuccheri aggiunti che aiuta a migliorare la tua digestione, ma anche a depurare il tuo organismo, a contrastare gonfiore addominale e la ritenzione idrica.

Oltre che ad avere delle proprietà benefiche per il fegato, il Detox Migliora è consigliato nei seguenti casi:

  • prurito, dermatiti e psoriasi;
  • alitosi;
  • allergie stagionali;
  • candidosi;
  • cellulite;
  • stanchezza eccessiva;
  • calcoli renali e renella;
    …e altri ancora.

L’importanza della depurazione: ogni quanto è necessario farla?

Per i motivi sopracitati, quando si avverte un malessere fisico generale, è bene intraprendere un percorso di purificazione. In realtà, è consigliato farlo sempre e con una certa frequenza, anche come prevenzione.

Si può iniziare un processo di depurazione del fegato in qualsiasi periodo dell’anno, anche se è maggiormente indicato farlo durante l’autunno e la primavera.

Essendo due stagioni di “transito” è bene preparare l’organismo al cambiamento (prepararlo al gelo dell’inverno o alle temperature elevate dell’estate) per prevenire i malanni autunnali e preparare l’organismo alla rinascita che avviene con la primavera.

depurazione fegato e malanni autunnali

L’importante è che la depurazione venga eseguita per almeno tre mesi e non per un periodo inferiore, in quanto, in questo modo non riusciresti a godere dei benefici del trattamento eseguito con l’integratore Detox Migliora.

Attenzione però! Qualora dovessero insorgere sintomi come cefalee, eruzioni cutanee (soprattutto nella prima settimana di depurazione) non ti preoccupare e non demordere! Sono dei sintomi del tutto normali, soprattutto nei soggetti maggiormente intossicati e non abituati a un trattamento del genere.

Anzi, questi sintomi sono da interpretare in maniera positiva come una manifestazione dei risultati del processo di depurazione.

Fegato fisiologia e posizione.

Il fegato è situato nella parte alta e destra dell’addome, sotto la gabbia toracica e compreso tra la VI e XI costola, poco più in alto dello stomaco e poco più in basso della linea del diaframma.

La sua posizione è funzionale al ruolo che esso svolge, in particolare, durante la digestione e la purificazione del sangue dalle sostanze di scarto presenti nel nostro organismo.

La posizione adiacente tra fegato e cistifellea è molto importante per garantire che la bile sia sempre disponibile all’uso.

Grazie alla sua vicinanza con la milza e l’apparato digerente, riceve tramite la vena porta, il sangue venoso da purificare e, dopo ciò, grazie alla vena epatica, ne permette il ritorno al cuore.

Se il fegato non si trovasse in questa posizione del corpo umano, il ritorno del sangue purificato al cuore sarebbe molto più lento.

Fegato segmenti epatici.

I segmenti epatici del fegato altro non sono che gli otto segmenti in cui i lobi vengono generalmente suddivisi secondo il sistema di classificazione Couinaud, l’anatomista che l’ha concepito.

I segmenti epatici sono indipendenti tra loro per quanto riguarda l’apporto venoso e arterioso. Vediamo la loro suddivisione nel dettaglio:

  • la parte posteriore del fegato è composta dal primo segmento, chiamato anche lobo caudato;
  • l’emifegato sinistro è composto invece dai segmenti 2,3,4;
  • l’emifegato destro è composto dai segmenti 5,6,7,8;

Fegato ingrossato: cosa fare?

Nei casi in cui si soffra di affaticamento epatico e si percepisce il fegato dolente, indurito e ingrossato, e nel caso in cui il fegato appesantito comporti delle alterazioni della flora batterica intestinale, diventando disbiotica e non riuscendo più ad assicurare un ambiente intestinale adeguato, l’integratore Detox può esserti utile.

Per contrastare i sintomi del fegato ingrossato ti basterà assumere 1 bustina di Detox Migliora al giorno diluita con dell’acqua, in un bicchiere o in una bottiglietta.

Grazie ai suoi ingredienti, come ad esempio il carciofo e il boldo, il fegato potrà godere dell’azione protettiva e disintossicante, nonché dell’azione stimolante di produzione della bile.

Oppure potresti valutare la possibilità di provare il Succo di Aloe Vera con polpa, molto utile a contrastare oltre che alla sensazione di fegato dolente e ingrossato anche tensioni e gonfiori intestinali, infiammazioni e coliti e sostenere le funzionalità epatiche e digestive tipiche del fegato.

Questo succo contiene anche la polpa di Aloe Vera e deriva dalle foglie fresche di Aloe Barbadensis Miller, senza alcuna aggiunta di acqua.

Viene estratto direttamente dalla foglia di Aloe e, ci teniamo a precisare quindi che, non si tratta di un semplice gel ottenuto tramite l’aggiunta di addensanti all’acqua.

Per questo motivo puoi star certo che questo nostro succo contiene tutte le proprietà principali dell’Aloe, come ad esempio quelle infiammatorie, depurative e nutrienti.

Il nostro consiglio è quello di assumere circa 10 ml in 1 o 2 volte al giorno diluite in un po’ d’acqua. Sarebbe preferibile assumerlo a stomaco vuoto, prima dei pasti principali, in modo tale da favorire l’azione ottimale sulla mucosa.

Come depurare il proprio fegato con le tinture madre.

Un altro prodotto molto utile per la depurazione del fegato e dell’organismo in generale sono le tinture madre.

Le tinture madre sono delle preparazioni liquide, ottenute esaurendo la droga tramite un processo di macerazione a freddo in alcool B.G e in acqua di origini montane. Generalmente, per ottenere le nostre tinture madre, il tempo di macerazione è di circa 90 giorni.

In particolare, ti vogliamo parlare della tintura madre di Carciofo e della tintura madre di cardo mariano.

La prima viene utilizzata nei seguenti casi:

  • per depurare il fegato;
  • per eliminare il cattivo odore corporeo;
  • in seguito ad un’alimentazione eccessiva e un conseguente ingrossamento della milza;
  • per la sua azione diuretica.

La seconda viene impiegata nei seguenti casi:

  • per depurare il fegato;
  • per favorire il flusso biliare;
  • nei casi in cui si soffra di insufficienza e degenerazione epatica;
  • nei casi in cui si soffra di cirrosi epatica;
  • problemi del sonno;
  • amenorrea;
  • steatosi epatica o fegato ingrossato;
  • per stimolare il cuore e la circolazione;
  • costipazione.

Come vedi sono entrambi molto utili per la depurazione del fegato e altre patologie annesse a questo organo.

Questo perché sia il cardo mariano che il carciofo possiedono delle sostanze benefiche e depurative che aiutano il fegato a svolgere le sue funzioni vitali anche nei casi sopra citati.

In particolare, il cardo mariano, noto anche con il nome di carciofo selvatico, favorisce la secrezione della bile e si tratta di un potente decongestionante epatico. Ha inoltre effetti benefici su tutti i disturbi collegati ad un malfunzionamento del fegato, come ad esempio nausea e mal di testa.

Ti è capitato anche a te di avvertire uno di questi sintomi o di avere problemi al fegato? Allora cosa aspetti a provare la tintura madre di cardo mariano o gli altri nostri integratori?

Inizia un percorso di depurazione! Siamo sicuri che i benefici dettati dall’assunzione di uno di questi integratori non tarderanno a farsi sentire!

Organi interessati
Leggi precedente
Fegato: come depurare il fegato e l’organismo con prodotti naturali
Leggi successivo
Crisantello americano: che cos’è, a cosa serve e perché dovresti utilizzarlo