Magnesio Malato: proprietà, cos’è e a cosa serve

Magnesio Malato benefici

Il Magnesio Malato, o malato di magnesio (C4H4MgO5), è un sale di magnesio dell’acido malico. É una delle forme di magnesio (Mg) meglio assorbite, ed è in grado di aumentare i livelli sierici e muscolari di magnesio.

Uno studio comparativo su diversi integratori di magnesio ha evidenziato che, dal punto di vista farmacocinetico, questo sale di magnesio è il più biodisponibile tra quelli confrontati.

Questa caratteristica rende il Magnesio malato un prodotto ideale per raggiungere il fabbisogno giornaliero di Magnesio.

In erboristeria viene consigliato in caso di insonnia, affaticabilità, depressione, fibromialgia, ed intossicazioni da alluminio.

L’acido malico conferisce al magnesio malato specifiche proprietà di salute

I benefici del Magnesio Malato sono dovuti all’azione sinergica del Magnesio con l’acido malico.

Oltre ad essere caratterizzato da un’elevata biodisponibilità e a trasportare ioni magnesio nelle cellule, l’acido malico svolge un ruolo significativo nella respirazione cellulare. Assumere quantità sufficienti di magnesio malato ha un impatto positivo sui processi di produzione di energia cellulare (ATP).

In questo articolo analizziamo gli effetti dell’acido malico sul nostro organismo.

Benefici sulla produzione di energia cellulare (ATP)

Il magnesio malato viene consigliato per sostenere le prestazioni fisiche degli sportivi, soprattutto in carenza di ossigeno (ipossia cellulare).

Questo sale di magnesio una serie di benefici legati al contenuto di acido malico:

  • Favorisce la trasformazione dei nutrienti (proteine, grassi e carboidrati) in energia;
  • Migliora la resistenza fisica degli atleti;
  • Fornisce un supporto energetico sia per gli esercizi aerobici sia anaerobici;
  • Contrasta l’accumulo di acido lattico.

Malato di magnesio benefici energia ATP

Il malato, ovvero la forma ionica dell’acido malico contenuto nel magnesio malato, è un componente importante del ciclo di Krebs. Quest’ultimo permette la conversione dei nutrienti in energia all’interno dei mitocondri, piccoli organelli presenti nelle cellule.

Il ciclo di Krebs ha molti intermedi, ma gli studi sembrano dimostrare che in seguito ad uno sforzo fisico estremo si possa esaurire solo l’acido malico.

L’integrazione di acido malico fa aumentare la quantità di malato nei mitocondri e la loro capacità produrre energia cellulare (ATP, o adenosinatrifosfato) sia in condizioni aerobiche sia anaerobiche.

Chelazione ed escrezione dell’alluminio dall’organismo

É dimostrato che il magnesio malato sostiene l’eliminazione dell’alluminio dall’organismo e dal cervello. L’acido malico contenuto è in grado di chelare l’alluminio e di eliminarlo con attraverso le urine.

Ciò che avviene è una sorta di scambio molecolare, dove il magnesio viene rilasciato e sostituito con l’alluminio. In questo modo il magnesio svolge le sue azioni biologiche e al contempo permette la disintossicazione dal metallo pesante.

Salute orale e xerostomia

Il magnesio malato abbassa il pH nel cavo orale e stimola la produzione di saliva. La maggiore quantità di enzimi antibatterici prodotti con la saliva favorisce la prevenzione di infezioni e malattie del cavo orale, e contrasta fenomeni di alitosi.

Diversi studi clinici randomizzati in doppio cieco (1,2) dimostrano l’efficacia dell’acido malico nel ridurre fenomeni di xerostomia, ovvero la secchezza della bocca.

Gli studi suggeriscono che uno spray contenente l’1% di acido malico può ridurre la secchezza orale negli anziani e quella causata da farmaci antipertensivi ed antidepressivi.

Sindrome della stanchezza cronica e depressione

Magnesio Malato depressione stanchezza

La sindrome della stanchezza cronica è caratterizzata da una grave ed invalidante astenia, di durata superiore ai 6 mesi, in assenza di una comprovata causa fisica o psichica.

Può comportare deficit di concentrazione, insonnia, cefalea, dolori articolare e muscolari.

É dimostrato che il magnesio malato favorisce la produzione di ATP e serotonina, favorendo la riduzione della sintomatologia.

Sempre in virtù della sua azione sui livelli di serotonina, il magnesio viene utilizzato come coadiuvante nelle forme di depressione.

Fibromialgia

La fibromialgia è malattia dalla causa sconosciuta, caratterizzata da affaticamento, insonnia cronica, ipersensibilità al dolore e rigidità di muscoli, tendini e legamenti.

Nei pazienti affetti da fibromialgia (FMS), ATP e la serotonina risultano carenti, ed esistono prove indirette relative alla carenza di magnesio ed acido malico.

I dati ad oggi disponibili sostengono il ruolo del Magnesio Malato nella produzione di ATP e di serotonina.

Sono stati condotti alcuni studi (4,5) secondo cui il magnesio malato potrebbe aiutare a combattere i sintomi causati dalla fibromialgia.

Acido malico: cos’è e in quali alimenti si trova

L’acido malico è un acido organico contenuto in frutta e verdura, ma viene prodotto anche all’interno del nostro organismo.

I frutti che contengono più acido malico sono:

  • mele (la mela verde è il frutto più ricco di acido malico);
  • angurie;
  • banane;
  • albicocche;
  • more;
  • mirtilli;
  • uva;
  • pesche;
  • pere;
  • prugne.

Il famoso protocollo di depurazione epatica della D.ssa Hulda Clark consiglia di bere 1 litro di succo di mela verde al giorno proprio in virtù del suo contenuto di acido malico.

Tra le verdure che lo contengono abbiamo:

  • broccoli;
  • carote;
  • fagioli;
  • patate;
  • piselli;
  • pomodori;
  • rabarbaro;

Integratori di Magnesio ed acido Malico

Nei nostri laboratori produciamo un integratore di magnesio con magnesio malato, bisglicinato, glicerofosfato e pidolato. La formulazione è arricchita con Vitamina D3 e frutto-oligosaccaridi (FOS) per sostenere l’assorbimento dei sali di magnesio e potenziarne le funzionalità biologiche.

Apri la chat
1
Servizio clienti - WhatsApp
Buongiorno,
possiamo aiutarti?