Shopping cart
0,00€

Ribes nero: proprietà, benefici ed eventuali controindicazioni

ribes nero proprietà benefici controindicazioni

Le gemme del ribes nero contengono principi attivi fondamentali per l’organismo umano. Scopri tutto su questo frutto da non farsi mai mancare nella dispensa estiva.


Hai continui mal di testa? Soffri spesso di infiammazioni alla gola o alla bocca? La stanchezza si fa sentire con i cambi di stagione? Il miglior rimedio naturale contro questi ed altri sintomi è il ribes nero.

Nel seguente articolo scoprirai perché questo frutto estivo dal sapore dolce ed acidulo presenta così tante proprietà benefiche per la salute. 

Ti presenteremo, inoltre, alcuni nostri prodotti a base di ribes nero, tra cui il macerato glicerico Ribes Nigrum.

Si tratta di un alto concentrato di questo frutto che si differenzia rispetto agli altri prodotti presenti in commercio per il tipo di estrazione, svolta a freddo. Ciò consente alle sostanze biologicamente attive di rimanere integre e pure.

Prosegui nella lettura per venire a conoscenza di alcuni aspetti relativi al ribes nero che non tutti sanno!

Problemi con la digestione? Leggi il seguente articolo: “Difficoltà digestive: quando i problemi digestivi partono dal fegato“!

Proprietà ed efficacia del ribes nero

Le bacche di ribes nero, della grandezza di circa 2 cm di diametro, sono molto apprezzate per il loro sapore e contengono importanti nutrienti.

bacche ribes nero antiossidante

Queste gemme sono ricche di flavonoidi, glicosidi, antocianosidi, ma anche di altre sostanze fondamentali per l’organismo, tra cui la vitamina C, quella A, il ferro, il magnesio ed il potassio.

Anche le foglie del ribes nero vengono utilizzate nella medicina popolare per la presenza di principi attivi (come la quercitina, la mircetina e il kaempferolo) che svolgono diverse funzioni benefiche per il nostro organismo.

Ecco qui di seguito le proprietà principali del ribes nero che fanno di questo frutto uno dei più utilizzati nell’ambito della fitoterapia.

Il ribes nero è:

  • Antiallergico e antiflogistico. Sono diversi gli studi che hanno dimostrato quanto il ribes nero sia un ottimo coadiuvante nel combattere le allergie cutanee e quelle respiratorie, soprattutto se collegate alla proliferazione dei pollini. Inoltre questo frutto è indicato per chi è affetto da infiammazioni locali o generali, sia a livello respiratorio che digestivo.
  • Contro il mal di testa. La gemma viene utilizzata come rimedio fitoterapico per alleviare gli attacchi di cefalea, in particolare quelli “a grappolo”, che si concentrano inizialmente in un punto per poi irradiarsi.
  • Diuretico e depurativo. È noto che il ribes nero stimoli la diuresi e diminuisca la ritenzione idrica. Inoltre, aiuta l’organismo a disintossicarsi dalle tossine in eccesso.
  • Antireumatico. Le proprietà antinfiammatorie di questo frutto fanno sì che anche chi soffre di dolori articolari e reumatici possa trarne beneficio dall’assunzione.
  • Antibatterico. Uno studio conferma questa proprietà del ribes nero. Si rivela molto utile per contrastare febbre, influenza, raffreddore ed anche virus come l’herpes.
  • Antiossidante. Il ribes nero rallenta il processo d’invecchiamento cellulare e combatte i radicali liberi.

Effetti collaterali e controindicazioni del ribes nero

L’assunzione di ribes nero non provoca alcun effetto collaterale ed è ben tollerata dal nostro corpo.

Diversi studi di laboratorio hanno provato a determinare un eventuale segno di tossicità del prodotto, tuttavia non è stato possibile verificarlo.

Questo vuol dire che il ribes nero ha una bassissima, praticamente nulla, possibilità di essere tossico.

Tuttavia, gli eccessi, come con qualsiasi altro alimento, non sono ben tollerati.

Ma anche in presenza di particolari patologie l’assunzione non viene consigliata.

Ad esempio, chi ha gravi problemi al sistema nervoso può andare incontro ad aumento dei sintomi, come ad esempio convulsioni o maggiore nervosismo.

Anche chi soffre di patologie renali dovrebbe evitarne l’assunzione, in quanto l’apparato urinario va ad affaticarsi ulteriormente.

Chi si sottopone a terapie con anticoaugulanti non dovrebbe mangiare il ribes perché l’acido gamma-linoleico potrebbe amplificarne gli effetti.

Comunque sia, i soggetti sani non devono nutrire alcun timore a riguardo dell’assunzione, in quanto non esistono particolari controindicazioni.

Come assumere il ribes nero

Sono diversi i metodi completamente naturali con cui è possibile assumere il ribes nero.

Se hai mal di gola o delle infiammazioni alla bocca, ad esempio, può essere molto utile fare un decotto con le foglie di ribes nero: basta bollire per 3 minuti un cucchiaio di foglie in 250 ml di acqua.

Se, invece, sei affetto da allergie stagionali ti consigliamo di assumere 50-80 gocce al mattino prima di colazione e, se necessario, altre 50-70 gocce in orario di merenda, del nostro macerato glicerico Ribes Nigrum.

La sua attività antistaminica viene molto sfruttata anche in altri casi di sindromi allergiche come oculoriniti, eritemi solari ed allergie ai farmaci.

Un integratore molto utile che potresti assumere è la vitamina C fitoattivata. Questo prodotto contiene gli estratti concentrati di diversi frutti, tra cui appunto il ribes nero. Essi andranno ad agire in concomitanza per assicurarti un maggior benessere a livello psicofisico.

Quindi, oltre ad essere un ottimo antinfiammatorio e protettore del sistema immunitario, questo integratore presenta molti altri benefici per l’organismo derivati dai principi attivi contenuti in altri frutti come l’acerola, il camu camu e la rosa canina.

Sfrutta appieno le potenzialità del ribes nero per stare bene e migliorare la qualità della tua vita!

Componenti
Articolo precedente
Umore migliore: ecco perché per averlo dovresti partire dal sonno
Articolo seguente
Difficoltà digestive: quando i problemi digestivi partono dal fegato