Lactobacillus paracasei

Lactobacillus Paracasei

Caratteristiche del Lactobacillus paracasei

Lactobacillus paracasei è una specie di batteri lattici Gram-positivi, appartenente al genere dei lattobacilli.

É un eterofermentante facoltativo che cresce in modo ottimale in un intervallo di temperatura compreso tra 10 e 37° C. Non induce resistenza agli antibiotici e il suo consumo per l’uomo è sicuro.

È riconosciuto come sicuro e viene utilizzato anche come principio attivo negli integratori di probiotici.

Se viene assunto con gli integratori sopravvive bene al transito gastrointestinale in bambini e adulti sani, dimostrando una buona resistenza ai succhi digestivi, agli enzimi idrolitici e agli acidi biliari. 

Inoltre garantisce una colonizzazione intestinale di lunga durata, che persiste nell’intestino fino a una settimana dopo l’assunzione del probiotico.

Studi approfonditi sulla sequenza genomica del Lattobacillo Paracasei hanno evidenziato ha il 90% del patrimonio genetico in comune con i ceppi di L. casei, e L. rhamnosus.

Tuttavia, ci sono alcuni criteri che vengono tipicamente utilizzati per differenziarli. É stato riscontrato che L. Paracasei è più resistente al calore, ha un’elevata attività proteolitica e cresce bene nei formaggi stagionati.

Dove si trova nell’organismo

Il ceppo L. Paracasei è caratterizzato da una grande capacità di adattamento ai diversi ambienti.

Il Paracasei si trova naturalmente sia nel tratto digerente umano che in quello animale. Inoltre viene utilizzato come coltura starter nell’industria alimentare, in particolare nei prodotti lattiero-caseari.

Benefici del L. paracasei

Lactobacillus paracasei è particolarmente apprezzato per la sua marcata attività immunostimolante. Gli studi sinora effettuati evidenziano la sua capacità di prevenire i sintomi della colite e di contrastare le diarree da rotavirus e diverticolite.

L’utilizzo di L. paracasei per la salute è supportato da numerosi studi scientifici. Ecco quali:

Riduce i sintomi del colon irritabile

Questo ceppo probiotico ha dimostrato di modulare positivamente il microbiota intestinale umano. Nel lume intestinale contribuisce a ridurre il pH ed aumenta la quantità di batteri eubiotici simbionti.

Questi batteri “buoni” sono fondamentali perché permettono la fermentazione della fibra alimentare, favorendo la produzione di acidi grassi a catena corta (SCFA).

A loro volta questi ultimi, ovvero acetato, butirrato e propionato, sono cruciali per preservare un ambiente intestinale sano. Qui sostengono la funzione di barriera dell’epitelio intestinale, e svolgono un ruolo riequilibrante in caso di colon irritabile e sindrome metabolica.

Contrasta la diverticolite

Molto spesso la diverticolite è associata alla disbiosi intestinale, ovvero ad uno squilibrio della flora batterica.

L’utilizzo di probiotici é una buona strategia, quasi sempre priva di effetti avversi, per migliorare la composizione batterica intestinale e ridurre l’infiammazione.

Alcuni studi hanno confermato anche che L. paracasei riduce il gonfiore addominale ed aiuta a rallentare le funzioni metaboliche di vari batteri patogeni.

Inoltre, è in grado di inibire l’iper-proliferazione batterica nel colon, svolgendo un ruolo importante nel mantenimento dell’omeostasi intestinale in caso di diverticolite.

Azione immunomodulante

I probiotici sono microrganismi che vivono in simbiosi con il nostro organismo apportando benefici immunitari.

L. paracasei aiuta a potenziare l’immunità innata, pertanto può favorire a una risposta immunitaria più veloce ed efficace contro potenziali agenti infettivi.

Vari studi dimostrano che può aumentare l’attività delle cellule natural killer, la proliferazione dei linfociti e la produzione di anticorpi.

In un recente studio sul virus Covid-19, L. paracasei e lattoferrina, hanno dimostrato di favorire l’espressione di geni coinvolti nell’immunità antivirale protettiva e hanno impedito l’espressione di geni pro-infiammatori innescati dal virus.

Riduce le infiammazioni e le allergie

L paracasei può essere un buon coadiuvante per ridurre la sintomatologia allergica in caso di allergie ai pollini con rinite, prurito e congestione nasale.

Ad esempio, in uno studio clinico eseguito su 60 pazienti è stata apprezzata la sua capacità di prevenire e ridurre le allergie da acari della polvere, grazie alla modificazione indotta sull’ecosistema intestinale.

Diverse ricerche hanno evidenziato anche una buona attività antinfiammatoria in caso di prostatite (1), diabete (2) e degenerazione della retina (3).

Favorisce la digestione

In caso di difficoltà digestive L. Paracasei può essere utile per aumentare il numero di bifidobatteri e lattobacilli, riducendo nel contempo i batteri nocivi.

Inoltre aiuta a rafforzare la barriera intestinale ed a migliorare l’assorbimento dei nutrienti. Se assunto insieme ad altri ceppi probiotici, può promuovere la crescita delle cellule epiteliali intestinali e anche proteggere la barriera intestinale da sostanze chimiche e agenti patogeni.

Dove comprare L. paracasei

Se vuoi integrare il lattobacillo paracasei puoi assumerlo con un integratore di fermenti lattici con lactobacillus paracasei.

Nei nostri laboratori formuliamo dei fermenti lattici vivi in compresse miscelando 5 ceppi probiotici:

  • Lactobacillus Acidophilus
  • Bifidobacterium Bifidum
  • Streptococcus Thermophilus
  • Lactobacillus Rhamnosus
  • Lactobacillus Paracasei
  • fibre prebiotiche (Frutto-oligosaccaridi ed inulina).

Puoi acquistare i nostri fermenti lattici vivi presso la nostra erboristeria di Milano oppure dal negozio online.

Per mantenerne la vitalità dei ceppi probiotici, in azienda li conserviamo in frigorifero. Dopo l’acquisto ti consigliamo quindi di tenerli in frigo.