Shopping cart
0,00€

Finocchio: il principale alleato contro i problemi gastrointestinali

finocchio contro problemi gastrointestinali

Il finocchio da secoli è la pianta carminativa per eccellenza, utile in particolare per le affezioni dell’apparato digestivo. Se soffri di problemi gastrointestinali, scopri tutto quello che c’è da sapere su questo ortaggio dalle preziose ed uniche proprietà.


Il finocchio rientra di diritto tra le piante carminative, ovvero quei vegetali officinali utili per risolvere i problemi gastrointestinali.

Per “carminativo” si intende, infatti, quel rimedio atto ad eliminare l’aria presente nello stomaco e nell’intestino (aerofagia), nonché molto efficace ad eliminare i dolori dell’apparato digerente.

In particolare, questa pianta erbacea, originaria dei paesi che si affacciano sul Mediterraneo, può ritenersi il più importante alleato della corretta digestione e, non a caso, è la più consigliata dai professionisti della medicina.

Qui di seguito scoprirai perché ed in che modo il finocchio può aiutarti a rimettere delicatamente in moto stomaco ed intestino.

Inoltre conoscerai alcuni metodi di preparazione in cucina di questo ortaggio, saprai quali sono i migliori utilizzi alternativi e conoscerai alcuni prodotti fitoterapici che contengono i suoi estratti, tra cui l’Olio essenziale di finocchio.

Iniziamo subito.

Perché il finocchio fa bene allo stomaco ed all’intestino

Il finocchio è molto utilizzato in fitoterapia soprattutto come coadiuvante per il corretto funzionamento dell’apparato gastrointestinale per differenti motivi. La parte più utilizzata in fitoterapia è rappresentata dai semi.

Nell’alimentazione quotidiana sono invece molto apprezza

Innanzitutto, questo vegetale è composto di acqua per circa il 90% della sua interezza. Questo vuol dire che il finocchio è l’alimento diuretico e drenante per eccellenza.

Inoltre, questo vegetale contiene sostanze fondamentali per queste parti del corpo, spesso colpite da problematiche e sintomi di malessere fastidiosi. Ecco qui di seguito le principali sostanze, vitamine e minerali:

  • Anetolo. Si tratta di una sostanza aromatica contenuta all’interno del finocchio che svolge alcune funzioni importanti. Ad esempio, in presenza di contrazioni addominali, calma e rilassa la pancia. Inoltre, ha potenti proprietà antibatteriche ed è in grado di combattere forme di tipo batterico tra cui vomito e nausea;
  • Vitamina C. Nota anche come acido ascorbico, questa vitamina è anti-cancerogena ed aiuta a prevenire tumori, soprattutto allo stomaco;
  • Potassio. Questo minerale, presente in buone quantità nel finocchio, è assorbito facilmente dall’intestino tenue e ne migliora la motilità. È molto utile anche in caso di iperacidità gastrica, dispepsie funzionali e bruciori di stomaco;
  • Vitamine del gruppo B. Queste vitamine presenti nel vegetale promuovono un perfetto metabolismo e scacciano i gonfiori;
  • Flavonoidi. Questi fitonutrienti, oltre ad essere molto importanti per il cuore e nel riequilibrio degli ormoni femminili, svolgono un’importante funzione di protezione nei confronti di stomaco ed intestino.

Il finocchio rappresenta un’ottima scelta anche per chi vuole mettersi a dieta. Le fibre contenute al suo interno riescono a saziare velocemente e, di conseguenza, allontanare la fame, anche quella nervosa.

Inoltre è poverissimo di calorie (se ne contano 9 in 100 grammi).

Preparazione in cucina dei finocchi: meglio cotti o crudi?

I finocchi non dovrebbero mai mancare a tavola, in particolare se si sta seguendo una dieta vegetariana o vegana.

mangiare finocchio benefici

Cotti, crudi, lessati o gratinati, sono differenti le modalità di assunzione di questo ortaggio durante i pasti. Tutto va in base ai propri personali gusti.

Ciò che ti consigliamo, tuttavia, è di consumare il finocchio crudo, in quanto vengono mantenuti inalterati la croccantezza ed i principi attivi di questo vegetale. Inoltre, gustare al naturale questo ortaggio, proprio in virtù della sua croccantezza, consente di saziarsi facilmente e ridurre l’appetito.

Per quanto riguarda la conservazione i finocchi crudi possono arrivare a durare una settimana in frigorifero, mentre i finocchi cotti (al forno, al vapore o bolliti) durano al massimo un paio di giorni, dopodiché iniziano a diventare neri.

I migliori rimedi naturali a base di finocchio per eliminare i problemi gastrointestinali

Tra i rimedi naturali utili per favorire la digestione, c’è sicuramente la tisana al finocchio che stimola la motilità ed i movimenti peristaltici del tratto gastrointestinale.

Questo preparato è indicato in particolare alle donne in fase di allattamento. La tisana al finocchio, infatti, rende il latte più gustoso al palato del bambino.

Un’ulteriore alternativa di assunzione del finocchio è rappresentata dagli integratori naturali e dagli oli essenziali che costituiscono una fonte super concentrata degli elementi presenti all’interno di questo vegetale.

Ti consigliamo di provare i prodotti naturali della nostra azienda Fitosofia, adatti a tutti e senza alcun tipo di controindicazione.

Ecco, qui di seguito, quelli maggiormente indicati per la funzione digestiva, il drenaggio dei liquidi e la motilità intestinale:

  • Olio essenziale di finocchio. Questo estratto di semi di finocchio, il cui livello di purezza è pari al 100%, può essere utilizzato nell’ambito dell’aromaterapia, ad esempio durante il bagno. Altrimenti è possibile inalare dalle 3 alle 5 gocce al giorno dopo averle sciolte in acqua calda. Il giusto uso permette di ottenere benefici sin da subito, tra cui la riduzione della sensazione di nausea, vomito, inappetenza, dispepsia ed atonia gastrica.
  • Tintura madre di finocchio. Questa preparazione liquida, ottenuta tramite l’estrazione ad ultrasuoni effettuata dal Dr. Roberto Cammarata e dal suo team di esperti, può essere assunta in un bicchiere d’acqua calda o all’interno di una tisana preferibilmente dopo i pasti, così da poter avere effetti benefici sul proprio corpo nel giro di poco tempo. Essa è un potente carminativo e sedativo soprattutto delle coliche addominali.
  • Kalosì. Questo integratore, che tra i vari ingredienti contiene il finocchio, è un ottimo coadiuvante per i problemi di cattiva digestione. Inoltre, data la sua concentrazione elevata di attivi naturali, possiede molteplici proprietà che vanno a migliorare il benessere generale dell’organismo.

Se soffri di cattiva digestione ed hai problemi gastrointestinali, come aerofagia e meteorismo, prova uno di questi prodotti Fitosofia, totalmente made in Italy e senza alcun additivo chimico.

Fitosofia è qualità allo stato puro.

Componenti
Articolo precedente
Allergie e intolleranze alimentari: come attenuarle con la fitoterapia
Articolo seguente
Pilosella: proprietà e benefici per il mantenimento del peso forma