Carrello
0,00€

Intestino: com’è fatto e quali sono le principali patologie (+ come porvi rimedio)

come è fatto l'intestino umano e quali patologie

Scopri quali sono le principali patologie dell’intestino e come porvi rimedio con i nostri prodotti naturali!


Intestino: conosciamo meglio quest’organo del corpo umano.

L’intestino è un organo del corpo umano, che fa parte dell’apparato digerente e assolve a numerose funzioni vitali per il nostro organismo.

In questo articolo vogliamo parlarti delle principali patologie che colpiscono l’intestino e come porvi rimedio con ingredienti naturali, come ad esempio i nostri integratori Detox Migliora, Fermenti Lattici Migliora, Lapacho 4:1, perle di olio di lino, Succo di aloe vera con polpa e Allevia migliora.

Prima di parlare di questo però cerchiamo di capire meglio quali sono le funzioni di questo organo, funzioni che vengono meno nel momento in cui ci troviamo in presenza di alcune patologie.

E se ti stai chiedendo come è fatto l’intestino umano, in questo articolo troverai tutte le informazioni di cui hai bisogno.

Iniziamo proprio con il parlare dell’anatomia dell’intestino.

Com’è fatto l’intestino umano e quali sono le sue funzioni

Anatomicamente parlando quest’organo si suddivide in due parti: il piccolo intestino, chiamato anche tenue, e il grande intestino chiamato anche crasso.

L’intestino tenue ha una lunghezza di circa sette metri e un diametro di quattro centimetri, si divide in ulteriori strati: il duodeno, che è la parte maggiormente coinvolta durante la digestione, il digiuno e l’intestino ileo che svolgono la funzione di assorbire i nutrienti.

L’intestino crasso rappresenta la parte finale del tubo digerente, ha una lunghezza di due metri e si suddivide in sei tratti differenti: il cieco, il colon ascendente, trasverso e discendente, il sigma e il retto.

Nonostante sia più piccolo rispetto a quello tenue le capacità dall’intestino crasso sono, in realtà, analoghe.

La funzione principale di questo organo è quella di assorbimento dei principi nutritivi che derivano dai cibi che ingeriamo quotidianamente e che arrivano nel nostro stomaco.

In questo modo vengono alimentate le cellule e i tessuti del nostro organismo. Nell’intestino si formano, inoltre le feci, provenienti da tutti gli scarti dei cibi di cui ci alimentiamo.

Svolge quindi una funzione metabolica, ovvero di assorbimento degli ioni come magnesio, calcio e ferro, e la sintesi di alcune vitamine, come quella K, alcune appartenenti al gruppo B e l’acido folico.

Inoltre, assolve alla fermentazione dei carboidrati che a sua volta permette la formazione degli acidi grassi.

Altra funzione dell’intestino è quella trofica (nutritiva) che assicura il nutrimento delle cellule intestinali, funzione necessaria a favorire l’attività fisiologica del colon.

Svolge inoltre una funzione immunologica, ovvero di difesa, che permette di mantenere il sistema linfatico tissutale e di combattere batteri e sostanze nocive. Infatti, è proprio all’interno del sistema linfatico che avviene la produzione di sostanze e di cellule che costituiscono la risposta immunitaria dell’organismo.

Ultima funziona è quella protettiva, fondamentale per difendere il tratto gastrointestinale dagli agenti patogeni.

Quali sono le principali patologie dell’intestino?

Ovviamente, nel momento in cui l’intestino è affetto da una qualche patologia, non riesce ad assolvere totalmente alle sue funzioni vitali.

Le principali patologie dell’intestino sono la sindrome dell’intestino irritabile, il morbo di Crohn, la colite ulcerosa, la diverticolite e altre.

Sindrome dell’intestino irritabile

La sindrome dell’intestino irritabile rientra nella categoria delle infiammazioni prolungate del tratto gastro-intestinale. Questa patologia può essere più o meno dolorosa e distruttiva, e talvolta, anche pericolosa per la salute generale dell’individuo che ne è affetto.

Morbo di Crohn

Il morbo di Crohn e la colite ulcerosa possono causare infiammazioni in qualsiasi parte del tratto digestivo, ma principalmente, la zona interessata è il tratto finale, ovvero l’intestino tenue.

Colon irritabile

I sintomi della sindrome del colon irritabile sono generalmente i seguenti:

  • dolore allo stomaco e crampi
  • nausea
  • perdita di peso
  • anemia
  • stanchezza eccessiva e cronica
  • infiammazione oculare
  • artrite
  • ulcere emorragiche
  • diarrea (che si verifica nei casi in cui le parti coinvolte non riescono a riassorbire l’acqua).

Per contrastare questi sintomi, la natura ci mette a disposizione alcune piante officinali come ad esempio la malva, l’Aloe Vera, il psillio (tutti ingredienti presenti nei nostri integratori) che devono essere assunti in concomitanza con i nostri Fermenti Lattici Migliora.

Diverticolite

La diverticolite è considerata come la malattia del benessere, diffusa nei paesi industrializzati. Viene anche chiamata in questo modo perché la causa principale della sua insorgenza è un’alimentazione squilibrata, ricca di zuccheri e grassi.

intestino patologie diverticolite

I sintomi di questa patologia sono: gonfiore e dolori addominali che insorgono subito dopo i pasti, diarrea o stitichezza, dolore al fianco sinistro.

Se soffri di una di queste patologie o di qualsiasi altra infiammazione intestinale, prova i nostri prodotti 100% naturali. Vediamo ora insieme, più nel dettaglio, di quali prodotti stiamo parlando.

Patologie intestinali e Lapacho

Soffri di colite o diverticolite? Prova il Lapacho, “l’albero della vita”. Si tratta di una pianta sempreverde delle foreste pluviali, appartenente alla famiglia delle Bigognacee. Gli indiani d’America lo utilizzavano per prevenire e curare malattie utilizzandone la sua corteccia.

Il nostro Lapacho 4:1 è estratto tramite un’innovativa tecnica estrattiva che si avvale dell’uso di ultrasuoni che permette di mantenere le concentrazioni di principi attivi elevati. Inoltre, non contiene coloranti, glutine, OGM, alcol e zuccheri aggiunti.

Oltre che per contrastare la colite, il Lapacho 4:1 è un ottimo coadiuvante per:

  • difese immunitarie basse
  • intolleranze e allergie
  • squilibri intestinali vari
  • infiammazioni e cistiti
  • affezioni cutanee nonché fungine, virali e batteriche.

In particolare, viene utilizzato nei casi di candidosi. La Candida Albicans è un fungo che si trova prevalentemente nell’intestino ma che la ritroviamo trasportata, tramite il sangue, anche in altre parti del nostro organismo come genitali, bocca, stomaco e occhi ad esempio.

La vagina è probabilmente l’ambiente maggiormente attaccato da questo fungo per via della sua vicinanza con l’intestino.

Attenzione però! Erroneamente si pensa che la candida esista solo ed esclusivamente nelle donne, ma in realtà non è così. Infatti, può accadere che ne soffrano così come le donne anche gli uomini e, anzi, talvolta, sono proprio gli uomini a trasmetterla inconsapevolmente.

In questi casi è bene fare attenzione ai rapporti sessuali, che devono essere necessariamente protetti con il preservativo, evitando così la trasmissione della candida al partner.

Le dosi consigliate di Lapacho sono di 15/20 gocce al giorno diluite in acqua o in altre bevande, da consumare per tre volte al giorno possibilmente prima dei pasti. Oppure, se necessario, puoi assumere 50/60 gocce diluite in una bottiglia d’acqua da consumare durante l’arco della giornata.

Fermenti lattici e patologie intestinali

Un altro prodotto che ti proponiamo sono i nostri Fermenti Lattici Migliora, da assumere per circa 40 giorni. Non superare la dose giornaliera indicata nella confezione! Il massimo è di 2 compresse al giorno, uno al mattino e una la sera, da assumere prima dei pasti.

È utile nei casi in cui si è in presenza di malattie infiammatorie intestinali. La mucosa intestinale è quella barriera difensiva contro gli antigeni ritenuti potenzialmente dannosi dal nostro organismo.

Quando il nostro intestino è infiammato queste barriere difensive si indeboliscono e causano quindi il passaggio dei patogeni nel sangue e l’alterazione del trasporto attraverso la mucosa.

I fermenti lattici possiedono delle capacità immunoregolatorie e antinfiammatorie che sono particolarmente utili nei casi di colite, intestino irritabile, diverticolite e morbo di Crohn.

Patologie dell’intestino? Prova l’integratore Allevia Migliora

Anche l’integratore Allevia Migliora è altamente indicato nei casi di colite, diverticolite e colon irritabile.

I suoi ingredienti sono i seguenti:

  • calendula
  • mirtillo rosso
  • boswella
  • melissa
  • malva
  • camomilla

Questo integratore è stato appositamente pensato per favorire e ripristinare la normale condizione intestinale, alleviando le infiammazioni degli organi interni, non solo dell’intestino ma anche dello stomaco.

La dose giornaliera consigliata è di 20 gocce diluite in un po’ d’acqua per tre volte al giorno.

Intestino irritato e Detox Migliora

Se preferisci prova il nostro Detox Migliora, l’integratore dal gusto buono e delicato da assumere in pratiche bustine.

Grazie ai suoi ingredienti come il boldo, il tarassaco, l’ananas, il carciofo, il crisantello americano, i chiodi di garofano e assenzio, è utile per contrastare la candidosi (che abbiamo visto essere strettamente connessa alle infiammazioni intestinali).

È inoltre un ottimo coadiuvante per la depurazione generale del nostro organismo.

Malessere intestinale e perle di olio di lino

Ultimo, ma non meno importante, prodotto di cui ti vogliamo parlare sono le perle di olio di lino.

Il nostro olio di lino è stato estratto a pressione e a freddo dai semi della pianta Linum usitatissimum. È pensato per facilitare la regolarità del flusso intestinale e del sistema circolatorio. Inoltre, è un ottimo coadiuvante nei seguenti casi:

  • gonfiori intestinali e fermentazioni;
  • per sostenere il sistema immunitario;
  • stitichezza e intestino pigro;
  • stress ossidativo;
  • per proteggere la mucosa intestinale.

Noi ti consigliamo di assumere 1-2 perle al giorno con un po’ d’acqua prima di colazione e di cena.

Tutti siamo a conoscenza del fatto che la regolarità intestinale è di fondamentale importanza per il benessere dell’organismo, in quanto previene fermentazioni e gonfiori addominali e protegge da molte patologie.

Oltre che ad assumere questo nostro integratore ti consigliamo di svolgere regolarmente un’attività fisica, utile a rafforzare la muscolatura liscia intestinale, ad assumere e prediligere alimenti ricchi di fibre (piuttosto che quelli grassi e con zuccheri aggiunti) e bere almeno 2 litri di acqua al giorno.

In questo processo depurativo dell’intestino, l’olio di lino svolge una funzione fondamentale per il transito intestinale, stimolandolo in maniera delicata senza irritare la mucosa.

Per poter ottenere maggiori risultati, ti consigliamo di assumere assieme all’olio di lino i nostri Fermenti Lattici Migliora e il nostro Detox Migliora, quest’ultimo in grado di stimolare la funzionalità epatica e la digestione dei grassi.

In questo modo l’azione combinata di questi tre integratori coadiuva la funzione intestinale in maniera delicata e promuove il drenaggio delle tossine accumulate.

Problematiche dell’intestino e Aloe Vera

Infine, anche il nostro succo di Aloe Vera con polpa è molto utile nei casi in cui si soffra di tensioni, gonfiori e infiammazioni intestinali, e favorisce il corretto funzionamento intestinale.

L’aloe vera è nota infatti per le sue proprietà antinfiammatorie, disintossicanti e lenitive.

Tali proprietà sono utili a contrastare i disturbi infiammatori dell’intestino. Ecco qualche esempio:

  • colite
  • diverticolite
  • sindrome dell’intestino irritabile
  • morbo di Crohn.

L’Aloe, infatti, stimola il ripristino delle attività metaboliche intestinali, favorendo lo sviluppo di un ambiente adeguato per una microflora sana.

Assumi 1-2 misurini al giorno del succo di Aloe vera con polpa, diluendo l’integratore in un mezzo bicchiere d’acqua prima dei pasti.

Conclusioni

Soffri di una di queste patologie intestinali? Possiedi o hai avvertito anche solo di uno di questi sintomi?

Dopo aver consultato il medico, prova i nostri prodotti 100% naturali e potrai notare immediatamente come il tuo organismo e il tuo intestino gioveranno dei benefici e delle funzionalità di questi ingredienti.

Cosa aspetti?

Organi interessati Problematiche
Leggi precedente
Stomaco: principali disturbi e rimedi naturali
Leggi successivo
Disturbi del fegato: come prevenirli con la fitoterapia